Office Automation dedicata la copertina a Reevo, raccontando del valore del nostro Cloud tutto italiano, ma sopratutto protetto e certificato. All’interno della rivista Office Automation una bellissima intervista a Reevo Cloud e alle nostre strategie. Una bella occasione per rivivere come da oltre 15 anni offriamo servizi Cloud, Cyber Security e Hybrid Cloud per proteggere e custodire, all’interno della ns cassaforte digitale, i dati delle aziende italiane.

«Digitalizzazione, IoT, Industria 4.0, mobile, intelligenza artificiale, big data… quello che si pensava essere il futuro è il presente di oggi: tutti i dispositivi sono interconnessi tra loro e scambiano dati, una mole di dati sempre crescente, senza i quali le aziende si fermano e le persone sono perdute. Si stima che nel 2025 la quantità di dati prodotta dal mondo sarà pari a 175zettabytes, una pila di DVD Bluray alta 23 volte la distanza terra-luna, e di conseguenza crescerà in maniera esponenziale la necessità di archiviare e proteggere questi dati.

L’unico paradigma che consente di affrontare con successo questa trasformazione è il cloud, a patto di scegliere un cloud provider in grado di fornire adeguate garanzie in termini di efficienza, sicurezza e compliance. È il caso di Reevo, azienda nata nel 2003, quando ancora non si parlava di cloud, che già allora decise di specializzarsi nella gestione di ambienti business critical, data center e cyber security..»

Reevo Cloud su Office Automation

A rispondere alle domande e a raccontare il cuore della nostra strategia troviamo Salvatore Giannetto, Presidente di Reevo e Antonio Giannetto, Amministratore Delegato insieme alla guida dell’azienda.

«I dati, la loro disponibilità, la capacità di elaborarli e proteggerli sono oggi l’asset principale di qualsiasi azienda, ancor prima di quelli finanziari…

Da oltre 15 anni quindi Reevo offre servizi di cloud, cyber security e hybrid cloud per proteggere e custodire all’interno delle proprie ‘casseforti digitali’ il principale patrimonio delle aziende italiane: i dati.

Oggi la società conta 3 data center certificati Tier IV geograficamente dislocati sul territorio italiano, una piattaforma proprietaria per l’orchestrazione e l’automazione degli elementi di cyber security e del proprio software defined cloud nel rispetto dei più elevati standard qualitativi e di certificazione, tra le maggiori ricordiamo ISO9001, ISO27001, ISO27017, ISO27018, ISAE3402, SSAE18… Il team di ricerca e sviluppo della società, inoltre, è in grado di portare quell’innovazione che, oltre ad essere privativa industriale, rappresenta un vantaggio competitivo nell’ambito di un mercato in cui continuano ad affacciarsi sempre nuovi player.

Vuoi leggere l’intervista completa? La trovi a pagina 6 di Office Automation, qui il link per sfogliare la rivista