Starch porta il Cloud di Reevo nella Pubblica Amministrazione

Da oltre 30 anni a fianco della Pubblica Amministrazione ! più di 130 mila pratiche presentate online negli ultimi 3 anni grazie ai propri sistemi utilizzati dai nostri comuni Italiani tra i quali Cagliari, Monza, Varese, Rho, Lodi, Vigevano.
Starch ha scelto ReeVo per i suoi progetti cloud e abbiamo incontrato Ruggero Beretta, Amministratore e Responsabile sviluppo software, ecco cosa ci ha raccontato.

Anni di storia

Comuni Italiani

STARCH S.r.l. nasce nel 1985 con la finalità di realizzare software, servizi e sistemi per l’automazione degli uffici tecnici comunali e della Pubblica Amministrazione. Oltre al software di base sono stati realizzati specifici servizi atti a risolvere i problemi che le Amministrazioni locali non potevano affrontare con le proprie risorse interne, quali il servizio Condono edilizio, le lavorazioni cartografiche sulle aerofotogrammetrie, le mappe catastali e gli strumenti urbanistici, il servizio sui cimiteri con la ricostruzione degli archivi grafici e dei contratti, la digitalizzazione delle pratiche edilizie, la rilevazione e sistemazione della toponomastica, la formazione di banche dati immobiliari.

La Sfida

La nostra sfida era trovare una soluzione Cloud che ci permettesse di soddisfare le nostre esigenze di rapida crescita tramite servizi scalabili e sicuri, così da garantire ai nostri clienti una garanzia operativa molto prossima al 100%
Per la Pubblica Amministrazione ovviamente questi sono aspetti fondamentali, è infatti impensabile dover subire disservizi di qualsiasi genere quando per diversi Comuni oggi l’unico modo di presentazione delle domande è on-line tramite il nostro sistema, la presentazione cartacea infatti non viene più accettata.

La Soluzione

Un ambiente virtuale completamente ridondato, sicuro e con performance enterprise che ci permettono di sopperire al carico di attività quotidiano di dati e connessioni spesso concentrate in poche ore, senza per questo creare rallentamenti e/o perdite di connessioni.
Oggi siamo in grado di garantire un servizio efficace che ci permette di poter gestire i servizi comunali più critici, parliamo infatti di portali SUE e SUAP per la presentazione di pratiche edilizie e pratiche commerciali per più di 220 comuni italiani, con una presentazione vicina alle 130.000 pratiche edilizie presentate solo negli ultimi 2 – 3 anni, anni nei quali la digitalizzazione nella Pubblica Amministrazione ha subito una forte accelerata.
Inoltre abbiamo spostato sul Cloud di Reevo la banca dati di Stelnet con 15.000 testi normativi in un Database, la soluzione OCYO per le segnalazioni che i cittadini possono inviare alle istituzioni pubbliche ( www.ocyo.it), tutti i nostri portali istituzionali, lo sportello Civico tramite il quale il cittadino oggi può richiedere una serie di documenti ai vari uffici del proprio comune direttamente on-line senza più dovercisi recare di persona.

Da 20 clienti a più di 400 utilizzano i nostri servizi online

Grazie all’adozione del Cloud di ReeVo, siamo potuti passare dall’avere un paio di Server (uno applicativo e uno Database), all’avere una vera e propria infrastruttura Cloud Datacenter ridondata con più macchine Web bilanciate, macchine Database e spazio storage S3 per l’archiviazione.
Questo per noi ha significato passare dalla gestione di circa 20 clienti, a più di 400 clienti i quali utilizzano quotidianamente i nostri servizi on-line.
E’ stato possibile fare tutto questo, lavorando direttamente sull’ambiente di produzione, senza aver mai creato disservizio ai clienti. Potendo pianificare in orari prestabiliti eventuali attività critiche e incrementando in tempo reale il dimensionamento dell’infrastruttura senza investimenti fino a quintuplicare l’infrastruttura Cloud.

Ruggero Beretta

CTO

Ruggero chi è Starch oggi?

“Starch Srl oggi ha 32 anni di attività rivolta alla PA; nasce nel 1985 con la finalità di realizzare software, servizi e sistemi per l’automazione degli uffici tecnici comunali e della Pubblica Amministrazione. Oltre al software di base sono stati realizzati specifici servizi atti a risolvere i problemi che le Amministrazioni locali non potevano affrontare con le proprie risorse interne, quali il servizio Condono edilizio, le lavorazioni cartografiche sulle aerofotogrammetrie, le mappe catastali e gli strumenti urbanistici, il servizio sui cimiteri con la ricostruzione degli archivi grafici e dei contratti, la digitalizzazione delle pratiche edilizie, la rilevazione e sistemazione della toponomastica, la formazione di banche dati immobiliari.
Oggi Starch conta 24 dipendenti che insieme gestiscono 400 comuni tra i quali Rho, Cagliari, Lodi, Varese, Vigevano, e molti altri. 130.000 pratiche presentate online negli ultimi 3 anni, 20.000 professionisti registrati che utilizzano i servizi.”

Qual è la vostra esperienza col cloud?
Avete già utilizzato o venduto servizi Cloud prima di conoscere ReeVo?

“Prima di conoscere ReeVo utilizzavamo i servizi di un altro Cloud Provider di Torino, l’esperienza in quel caso è stata direi negativa.
Come per molti casi, finché tutto ha funzionato il servizio era soddisfacente, poi in seguito ad un guasto, abbiamo subito un fermo di 4/5 giorni con inoltre la perdita di una buona parte di dati, recuperati solo in parte non con poche fatiche da parte del nostro personale.
A seguito di quell’evento abbiamo incontrato ReeVo ed ormai sono circa 4 anni che la nostra infrastruttura risiede nel loro Cloud Datacenter.”

A che tipologia di End User avete proposto l’adozione della soluzione ReeVo? Puoi descriverci in sintesi in quali progetti è stata coinvolta ReeVo e con quali prodotti e soluzioni?

I nostri end user principali sono i Comuni Italiani, come dicevo prima, 400 circa, ad oggi che utilizzano i nostri servizi, inoltre 20.000 professionisti che caricano quotidianamente pratiche e in ultimo i cittadini che oggi possono inviare in autonomia alcune pratiche ai propri comuni tramite il nuovo servizio “Sportello Civico”, grazie al quale sarà possibile compilare e presentare digitalmente richieste ai diversi uffici comunali, senza doversi più recare presso il comune di residenza.
Ad oggi su ReeVo, sono ospitate tutte le virtual machine necessarie all’erogazione dei nostri servizi, un ambiente Storage basato su tecnologia S3 nel quale andiamo ad archiviare lo storico delle pratiche caricate e un sistema di backup centralizzato basato su CTERA per i comuni che hanno i nostri applicativi installati on-premise.”

Quali altre alternative Cloud avete preso in considerazione? Quali sono state le motivazioni che vi hanno portato a scegliere ReeVo rispetto ad altri?

“Abbiamo, ovviamente valutato altri Cloud Provider oltre a ReeVo, come Azure ed Amazon.
In questi casi abbiamo trovato difficile capire fino in fondo i costi in quanto alcune voci sono del tutto variabili, trattando con la PA sarebbe impensabile per noi avere dei costi variabili in base ai volumi spostati, ai dati caricati e/o scaricati dal datacenter. Su questo ReeVo ha fatto al caso nostro, infatti i canoni sono fissi e ben definiti, indipendentemente dal traffico generato.
Inoltre abbiamo necessità di avere un partner con il quale potersi incontrare e discutere sia di nuovi progetti, che di problemi che possono verificarsi, anche in questo ReeVo è stata una scelta indovinata, in quanto non ci sono call center o diversi livelli da scalare per poter avere un supporto tecnico e commerciale. Il rapporto infatti è molto più diretto ed immediato.
Soprattutto per gli aspetti tecnici, per i quali non abbiamo tutte le competenze sistemistiche necessarie, sapere di poter contare sul supporto tecnico ReeVo per noi è un tema fondamentale, sia in fase di nuove implementazioni sia in fase di gestione di problemi”.

ReeVo si vanta di essere un cloud “italiano”. Credo che sia stato determinante il fatto che ReeVo abbia i propri datacenter in Italia.

“Certamente. Trattando dati sensibili di Pubbliche Amministrazioni e cittadini per noi è fondamentale sapere come e dove sono gestiti i loro e nostri dati.”

Concludendo, quale è stata la vostra esperienza con il team di ReeVo? Lo consigliereste ad altri rivenditori?

“La nostra esperienza è stata sicuramente positiva, sia quando abbiamo avuto necessità di supporto per nuove implementazioni, sia per gestire il supporto quotidiano, abbiamo sempre avuto una risposta pronta, questo è anche uno dei motivi per i quali abbiamo deciso di passare dal precedente fornitore a ReeVo.
Sicuramente consiglieremo Reevo Cloud ad aziende come la nostra così che possano concentrarsi sulle loro attività principali, avendo la sicurezza di avere un partner che gestisce l’infrastruttura e gli dà supporto nel momento in cui ne hanno bisogno.”

Le soluzioni ReeVo adottate

Cloud Datacenter

Un servizio IaaS che consiste in un ambiente virtuale senza limiti di scalabilità offrendo la libertà dei Private Cloud, associando SICUREZZA e PERFORMANCE.
ReeVo Cloud DataCenter ti garantisce le risorse necessarie per la creazione di virtual machine; puoi disporre di un singolo server o di un intero Data Center virtuale.

m

Cloud backup

ReeVo Cloud Backup integra perfettamente l’archiviazione dei dati in azienda e all’esterno, creando una copia locale dei file memorizzati sul dispositivo e una copia aggiuntiva nel cloud, con sincronizzazione automatizzata e funzioni di condivisione file.
Gli utenti possono accedere sia ai file locali, che nel cloud da qualsiasi luogo utilizzando un Web browser.
ReeVo Cloud Backup esegue il backup nel cloud per l’intera rete locale, a differenza delle soluzioni di backup desktop base che eseguono i backup di singoli PC.