Fare Cloud con il Canale oggi – Intervista ReeVo su Office Automation

Un settore estremamente dinamico

Non ci sono solo i grandi nomi quali Amazon Web Services, Microsoft, Google, IBM, le grandi Telco. Ci sono anche una serie di operatori di dimensioni più contenute che fanno della personalizzazione e flessibilità il loro punto di forza. Spesso questi operatori svolgono anche funzioni di system integrator e indirizzano direttamente l’utenza finale, altre volte invece si affidano (in tutto o in parte) a un canale. Primo Bonacina per ValuePoint ha chiesto ad alcuni di questi operatori se si avvalgono di un canale per la fornitura delle loro soluzioni cloud e data center, e, se sì, che caratteristiche ha questo canale. Ma soprattutto, in prospettiva 2017, vogliamo sapere come cambia il loro rapporto con il canale: di quale canale hanno bisogno? Quali sono i punti qualificanti dei loro accordi di partnership con il canale? Hanno forse bisogno di un ‘nuovo’ canale?

Intervista a Salvatore Giannetto, CEO di ReeVo.

SGIl canale per noi è l’unico target di riferimento, fin dalla nascita di ReeVo la politica commerciale è stata chiara e trasparente: 100% CANALE; già questa ritengo sia la caratteristica principale che ci differenzia da altri competitor che fanno del canale un’alternativa alla vendita diretta sull’utente finale, inoltre tutti i nostri servizi sono whitelabel e possono essere rebrandizzati dal partner con il suo logo così da poter creare la propria soluzione cloud. Il nostro rapporto di canale è talmente forte che ben tre dei più grandi distributori italiani hanno richiesto di poter commercializzare le nostre soluzioni cloud.

 

Siamo molto soddisfatti del nostro canale, sia dalla capillarità sul territorio che dalla sua conformazione. Il nostro rapporto di canale è frutto di un accordo strategico tra noi e il partner con il quale creiamo insieme vere e proprie soluzioni “made in cloud” e questo ci permette di agire con efficacia in ogni attività marketing e commerciale a supporto del canale stesso. Prendiamo molto seriamente l’accordo con il canale e siamo molto attenti nel lavorare per la sua tutela e per la generazione del loro business, questo ci posiziona tra i primi vendor cloud in Italia.

 

Se abbiamo bisogno di un nuovo canale? NO, credo che il canale sia maturo e pronto ad adottare soluzioni cloud in maniera efficace, piuttosto è il mercato che andrà a modificarsi, vedo il 2017 come un anno di affermazione per vendor come ReeVo che fanno del Cloud il proprio core business, mentre vedremo allontanarsi da questo mercato le grandi aziende di hardware e software che hanno approcciato il cloud sensa una politica chiara, ma solo per esserne presenti.

FONTE: Office Automation
LEGGI ARTICOLO ORIGINALE